JQuery scontro finale, ne rimarra solo uno, agenzia web marketing!

agenzia web marketing

agenzia web marketingPer quanto riguarda gli scacchi mettiamo in evidenza la bella partita di attacco e controattacco giocata nel 1984 tra il GM Velimirovic e Nona Gaprindashivili a Bela Crkva. Di questa partita il nero alla domanda: quale é stata la partita più interessante che tu abbia mai giocato? Risponde: Potrei dire quella contro Velimirovic a Bela Crkva nel 1984; avevo il Nero ed è stato uno scontro davvero senza esclusione di colpi con coninui capovolgimenti di fronte, sacrifici e controsacrifici. Una folla considerevole si era assiepata intorno alla scacchiera e quando abbiamo siglato la patta si è levato un grande applauso che è durato alcuni minuti, partita presente all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1047420 e a questo punto con agenzia web marketing saltiamo alla parte finale di JQ segnalando prima anche la partita http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1553473 che é un esempio didattico da seguire di cosa fare quando bisogna aprire delle linee con particolare riferimento alla mossa 16 f5! davvero molto creativa. Toggle! jQuery ha alcuni effetti facili da implementare per creare animazioni, ricorda agenzia web marketing. I metodi hide () e show () sono usati per nascondere e mostrare gli elementi selezionati. Il metodo toggle () viene utilizzato per alternare tra nascondere e mostrare elementi. Per esempio:

$(function() {
$(“p”).click(function() {
$(“div”).toggle();
});
});

I metodi hide / show / toggle possono prendere un argomento opzionale, speed, che specifica la velocità di animazione in millisecondi. Ad esempio, passiamo 1000 millisecondi come argomento della velocità al metodo toggle ():

$(function() {
$(“p”).click(function() {
$(“div”).toggle(1000);
});
});

Simile ai metodi hide / show, jQuery fornisce i metodi fadeIn / fadeOut, che dissolvono un elemento dentro e fuori la visibilità. Proprio come il metodo toggle () commuta tra nascondere e mostrare, il metodo fadeToggle () si dissolve in entrata e in uscita. Vediamo fadeToggle () in azione, evidenzia agenzia web marketing:

$(function() {
$(“p”).click(function() {
$(“div”).fadeToggle(1000);
});
});

Proprio come toggle (), fadeToggle () prende due parametri opzionali: velocità e callback. Un altro metodo utilizzato per la dissolvenza è fadeTo (), che consente di sbiadire a una determinata opacità (valore compreso tra 0 e 1). Ad esempio: $ (“div”). FadeTo (1500, 0,7); I metodi slideUp () e slideDown () sono usati per creare un effetto scorrevole sugli elementi. Ancora una volta, simile ai precedenti metodi di commutazione, il metodo slideToggle () commuta tra gli effetti di scorrimento e può assumere due parametri opzionali: velocità e callback. Per esempio:

$(function() {
$(“p”).click(function() {
$(“div”).slideToggle(500);
});
});

Il metodo animate () ti consente di animare su un valore impostato o su un valore relativo al valore corrente. È necessario definire le proprietà CSS da animare come parametro in formato JSON (coppie “chiave”: “valore”). Il secondo parametro definisce la velocità dell’animazione. Ad esempio, il codice seguente anima la proprietà width di div in 1 secondo sul valore 250px:

$(“div”).click(function() {
$(“div”).animate({width: ‘250px’}, 1000);
});

Nota il formato JSON per fornire i parametri CSS. La sintassi JSON è stata utilizzata anche nei moduli precedenti durante la manipolazione delle proprietà CSS. Puoi animare qualsiasi proprietà CSS usando la sintassi sopra menzionata, ma c’è una cosa importante da ricordare: tutti i nomi di proprietà devono essere camel-cased se usati con il metodo animate () (camelCase è la pratica di scrivere parole o frasi composte tali che ogni parola o abbreviazione inizia con una lettera maiuscola con la prima parola in minuscolo). Dovrai scrivere paddingLeft invece di padding-left, marginRight invece di margin-right e così via. Più proprietà possono essere animate contemporaneamente separandole con virgole.
Per esempio:

$(“div”).animate({
width: ‘250px’,
height: ‘250px’
}, 1000

È anche possibile definire valori relativi(il valore è quindi rel al valore corrente dell’elemento). Questo viene fatto mettendo + = o – = davanti al valore:

$(“div”).animate({
width: ‘+=250px’,
height: ‘+=250px’
}, 1000)

Per interrompere un’animazione prima che sia finita, jQuery fornisce il metodo stop ().Per impostazione predefinita, jQuery viene fornito con funzionalità di coda per le animazioni. Ciò significa che se scrivi più chiamate animate () una dopo l’altra, jQuery crea una coda “interna” per queste chiamate di metodo. Quindi esegue le chiamate animate una alla volta. Per esempio:

var div = $(“div”);
div.animate({opacity: 1});
div.animate({height: ‘+=100px’, width: ‘+=100px’, top: ‘+=100px’}, 500);
div.animate({height: ‘-=100px’, width: ‘-=100px’, left: ‘+=100px’}, 500);
div.animate({height: ‘+=100px’, width: ‘+=100px’, top: ‘-=100px’}, 500);
div.animate({height: ‘-=100px’, width: ‘-=100px’, left: ‘-=100px’}, 500);
div.animate({opacity: 0.5});

Ogni chiamata al metodo animate () verrà eseguita una dopo l’altra. Ricorda, per manipolare la posizione degli elementi, devi impostare la proprietà della posizione CSS dell’elemento su relativo, fisso o assoluto. Il metodo animate (), proprio come i metodi hide / show / fade / slide, può prendere come parametro una funzione di callback opzionale, che viene eseguita dopo che l’effetto corrente è finito. Creiamo un semplice menu a discesa che si aprirà facendo clic sulla voce di menu.

HTML:

</div>

JS:
$(“#item”).click(function() {
$(“#submenu”).slideToggle(500);
});

Il codice sopra gestisce l’evento click dell’elemento id = “item” e apre / chiude il sottomenu in 500 millisecondi. Esegui il codice per vederlo in azione. Puoi anche controllare il CSS utilizzato per lo styling degli articoli. Riassumendo all’ indirizzo https://umbriawayinfo.wordpress.com/2017/12/20/agenzia-web-marketing-e-le-fondamenta-di-jquery/ abbiamo introdotto JQ, i contenuti e gli attributi di JQuery li abbiamo visti all’ indirizzo https://umbriawayincrementa.wordpress.com/2017/12/21/agenzia-web-marketing-come-posso-manipolare-attributi-e-contenuti-con-jquery/, abbiamo continuato con agenzia web marketing guardando le manipolazioni sui CSS all’ indirizzo https://umbriawayamplifica.wordpress.com/2017/12/22/polugaevskj-nel-1984-si-drogava-ma-quanto-viene-brutalizzato-torre-in-questa-partita-giocata-a-londra-agenzia-web-marketing-a-vedere-un-attacco-classico-cosi-performante-e-perforante-basato-sulla-fu/ il DOm é saltato fuori al link https://umbriawaycultura.wordpress.com/2017/12/22/ma-se-cambio-le-regine-finita-lapertura-posso-vincere-lo-stesso-velocemente-chiedilo-a-jquery-o-a-kasparov-scacchista-di-strada-del-drosso/ mentre gli EVENTI sono localizzati in https://umbriawaydesign.wordpress.com/2017/12/22/le-mosse-assurde-di-smyslov-per-pattare-facile-con-kasparov-mi-minacciano-matto-e-io-scappo-con-il-re-questo-si-che-e-un-evento-altro-che-jquery/ e per finire ci sono LE ANIMAZIONI del seguente POST. Con questo Agenzia Web Marketing ha ultimato il suo primo percorso veloce di studio per vedere a grandi linee le caratteristiche di questo interessante Framework!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...