Node e l’inclusione dei moduli esterni: ovvero quando le torri di Ljubojevic esprimono una potenza di fuoco orizzontale!

web marketing Umbria

web marketing UmbriaNode js ha un suo overview all’ indirizzo di UmbriaWaySemplifica e un approfondimento introduttivo all’ indirizzo di UmbriawayDesign . Ora non ci resta che affrontare la spinosa questione con web marketing Umbria deill’ integrazione con i moduli esterni. A questo punto fedeli al nostro ruolo di comunicatori digitali che basano la propria strategia sulla potenza strategica degli scacchi e forte dei ruoli di campione torinese del 2008 e del titolo di campione regionale Umbria nel 2016 titoli acquisiti dal CEO di Umbriaway Consulting Faraoni Enrico non ci resta che visionare la Ljubomir Ljubojevic vs Lajos Portisch Chess Olympiad (1982), Lucerne SUI, rd 11, Nov-11 Sicilian Defense: Najdorf Variation (B99) finita con la vittoria del bianco. In questa partita alla mossa 18 un alfiere bianco salta in c4 il che sembrerebbe una scelta alquanto dubbia dal momento che con una regina nera in c7 e un cavallo in c5 il nero mangiando un piccolo pedoncino in e4 va a conquistare un vantaggio materiale. Perché dunque il bianco si é prestato a questa speculazione apparentemente svantaggiosa? Siamo di fronte a una svista? All’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1091948 ci accorgiamo di un aspetto che sembra nascosto e cioé se il nero non avesse più i pezzi a sostegno della difesa del re l’arrocco lungo ne risulterebbe indebolito, ma non solo! Siamo sempre abituati a pensare che le torri hanno una potenza di fuoco verticale ma una volta che l’Ab7 scomparirà il blocco delle case bianche sulle case focali d5 ed e4 consentiranno anche una energia potenziali delle torri sulla quarta e quinta traversa. La partita finisce con una veloce miniatura alla mossa 31 e il bianco può finalmente ordinare al barman la sua birra sintetica, conclude il suo intermezzo scacchistico web marketing Umbria. A questo punto non ci resta che girare intorno a dei misteri insolubili? Ci chiedono con lettere minacciose che cosa significa BASH. Wikipedia archivierebbe la questione in questi termini: “Bash (acronimo per bourne again shell) è una shell testuale del progetto GNU usata nei sistemi operativi Unix e Unix-like, specialmente in GNU/Linux e Mac OS X, ma disponibile anche per sistemi Microsoft Windows (vedi ad esempio Cygwin)”. Tutto chiaro no?! Altre domande oscene che riceviamo sono: che significa inheritance? E’ una caratteristica di quei linguaggi di programmazione OOP come Java e PHP per esempio e la parola oscena sta ad indicare ereditarietà! Conclusa la parte delle domande impossibili curata dalla redazione di web marketing Umbria non ci resta che entrare nel focus del post che ha uno SCOPO: rispondere alla domanda con la pratica di come integrare MODULI ESTERNI in una web app fatta con il framework NODE.JS; Require é una parola chiave molto importante e chi programma in PHP lo sa. web marketing UmbriaPer includere informazioni esterne posso creare dei file, dentro posso anche ragionare mettendo per esempio un oggetto studente, così creo una risorsa che posso usare dopo una esportazione, inclusione. Ad esempio creo un file studente: module.exports.studente = { nome: “Michele”, cognome: “Rossi” } in questo modo mi ritrovo un modulo da esportare. Nel mio file app.js posso includere quindi una istruzione del tipo: const infoStudente = require(“./studenti.js”); dove richiamo il path corretto sullo stesso livello, con il punto slesh quindi genero un collegamento sullo stesso piano tra file. Poi per l’esecuzione come al solito lancio il conado node nome file e tramite l’istruzione console.log(“Il nome dello studente è: ” + infoStudente.studente.nome); mi ritrovo i dati inclusi nell’ oggetto esterno studente. Quindi require per emttere a disposizione del nostro progetto i nostri moduli e i contenuti risorse trattati come moduli con la piccola funzione di esportazione, attraverso la ricerca del giusto percorso. Se voglio vedere l’oggetto a video posso dare l’istruzione console.log(module); su app.js. A questo punto prima di andare oltre con web marketing Umbria é il caso di somatizzare tutte queste informazioni/istruzioni e in una delle prossime sessioni di allenamento per diventare programmatori front end al top andremo a scandagliare quello che é il gestore manager di node, ossia NPM! Grafica royalty free nel post sempre messa a disposizione da https://unsplash.com.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...